tributo-de-andre-faber

L’estate ci è servita per recuperare energie fisiche e nervose, e contemporaneamente trovare soluzioni per le nuove problematiche che la pandemia aveva sollevato e che ci aveva coinvolti in modo profondo: non avremmo più potuto utilizzare l’Anfiteatro Beppe Fenoglio di La Loggia, perché sarebbe stato riservato in modo esclusivo per la didattica, visto che si trova nel complesso edilizio della scuola elementare.

Dopo un primo momento di sconforto è iniziata l’affannosa ricerca di locali alternativi, senza allontanarci troppo dalla nostra sede, ma che fossero nel contempo idonei ad ospitare i nostri eventi. Abbiamo trovato la disponibilità del Comune di Carignano che ci ha concesso il patrocinio del Teatro Cantoregi per due serate. Foto 1

Foto 1: L’interno del teatro Cantoregi con le poltrone da lasciare vuote per effetto del distanziamento previsto.

Il primo di questi è stato realizzato il 18 settembre con la partecipazione attiva dei Fabrizio De André Remember 2.0 guidati dal giovanissimo direttore artistico Marco Raiteri. Foto 2.

Foto 2: Bardonecchia estate 2020: in primo piano Marco Raiteri ed alcuni componenti della Band

Davvero uno spettacolo a tutto tondo. Non è facile “cantare” Faber ma i “Fabrizio De André Remember 2.0” hanno saputo interpretarlo alla grande facendoci provare emozioni da brivido. Quando la musica incontra la poesia non può che nascere qualcosa di veramente bello ed unico.

Cinzia Morone, poetessa, accompagnata alla chitarra da Marco Raiteri legge “Qui io ti amo” di Pablo Neruda.

Lo sappiamo bene noi di “Un cuore per Candiolo” che cerchiamo di unire al progetto di solidarietà nella lotta contro il cancro qualcosa che ci dia lo slancio e la forza di andare avanti, anche tra mille difficoltà, condividendo con tutti i nostri amici, serate piacevoli come quella offertaci da questo gruppo di giovani artisti.

Non si è trattato solo di un concerto, ma di una fusione di melodia, poesia, canzone, recitazione e installazioni video-fotografiche in un tripudio di colori, suoni e arte, per ricordare un grande artista, sempre vivo e attuale anche per i più giovani. Così il pubblico ha potuto prendere parte a un percorso nell’io di Fabrizio De André, lasciandosi quasi cullare dalle note dei musicisti e dalla dolcezza di poesie contemporanee. Gli spettatori, in una generale commozione, hanno potuto oltrepassare la figura del grande cantante per capire il filosofo, il poeta e, soprattutto, l’uomo che Faber è stato.

Le note di celeberrime musiche si sono diffuse nel teatro, suscitando emozioni e ricordi: Bocca di rosa, Franziska, Andrea,

I Fabrizio De André Remember 2.0: Andrea

Il pescatore, Una storia sbagliata, Don Raffaè, La canzone di Marinella

I Fabrizio De André Remember 2.0: La canzone di Marinella

La canzone dell’amore perduto, Hotel Supramonte, Via del Campo e tante altre.

I Fabrizio De André Remember 2.0: Via del Campo

Il pubblico che ha partecipato alla serata ha applaudito lungamente durante tutta l’esibizione, accompagnando alcune canzoni con il battito di mani a ritmo di musica e cantando tutti insieme il ritornello del famoso brano “Il pescatore”.

I saluti finali per una serata da ricordare
e l’inchino con cui c’è stato il commiato dal pubblico.

Questo evento ha ottenuto il Patrocinio dei Comuni di Carignano e La Loggia ed anche il Patrocinio morale della Fondazione Fabrizio De André di Milano, presieduta da Dori Ghezzi.

Scarica la locandina dell’evento qua

Categories:

Tags:

Comments are closed

Contatti: email info@uncuorepercandiolo.com - PEC uncuorepercandiolo@pec.it
© 2020 Associazione Culturale Un Cuore per Candiolo. Creato con ❤ dalla Jusan Network